Nuove tangenti vecchio sistema

Siamo dentro una nuova Tangentopoli. Ma potrebbe trattarsi di qualcosa di diverso.
Nelle indagini dei primi anni ’90, il terreno era già stato preparato per l’inserimento sulla scena politica di una forza ancora più conservatrice del passato che si voleva cestinare.
I latrati leghisti vennero presto soffocati dalla “moderazione” restauratrice berlusconiana. A corruzione e collusione si sostituì una più fresca immagine, patinata e di successo, di corruzione e collusione, anzi venne assoldato dai soliti poteri qualcuno che potesse rinverdire subito i fasti del “Sistema”, qualcuno che ci mettesse faccia, qualunquismo, portafogli e immagine vincente oltre che mezzi televisivi.
Adesso le forze della conservazione sono comunque salde ma accerchiate: da un lato una crisi durevole causata più da limiti strutturali e sistemici del capitalismo come lo abbiamo praticato e conosciuto fino ad oggi, dall’altro un Movimento di cittadini più consapevoli che vogliono rovesciare il sistema politico consolidato proponendo una freschezza morale senza precedenti e un nuovo modello di società e di crescita compatibile con la crisi ambientale che vive il pianeta. Questa nuova Tangentopoli potrebbe essere l’inizio di qualcosa di più prorompente o l’ennesimo colpo di forbice per eliminare i rami secchi? Lo vedremo…
Dall’Europa si possono fare cose: per esempio dare un seguito alla Commissione speciale sulla criminalità organizzata (Crim) ed estendere certi principi e regole antimafia a tutti i paesi dell’Unione.

peppino impastato radio aut
Intanto oggi ricorre uno dei tanti anniversari di morte dei nostri santi laici.
Peppino Impastato venne ucciso a Cinisi il 9 maggio del 1978, i killer inscenarono un finto incidente.
Pochi giorni dopo i cittadini di Cinisi lo elessero al consiglio comunale in forma simbolica.

Mi piace ricordarlo vivo mentre ridicolizza con coraggio la mafia.
#vinciamonoi

scritto da il .

Simona Suriano